Storia

DIECI ANNI DI DARE

Il settore agroalimentare riveste un ruolo fondamentale nell’economia della regione Puglia, come confermano i dati sul valore aggiunto, sugli occupati e sulle esportazioni. Le imprese esprimono una consistente domanda d’innovazione e l’articolato sistema di istituzioni di ricerca diffuso sul territorio è in grado di offrire una qualificata offerta di innovazione.

Questi punti di forza costituiscono le solide fondamenta sui cui nascono e crescono il Distretto Tecnologico Agroalimentare e la società consortile a responsabilità limitata D.A.Re. che ne presidia la governance e la gestione. Una crescita evolutasi nel corso degli anni attraverso alcune tappe significative.

Dal 2004 al 2014 ecco le tappe fonfamentali

2004

Viene siglato un Protocollo di Intesa con la Regione Puglia che qualifica il D.A.Re. come il soggetto giuridico che presidia il governo del Distretto Tecnologico Agroalimentare.

2006

Viene deliberata la trasformazione del Biopolo Dauno in Distretto Agroalimentare Regionale (D.A.Re.) società consortile a responsabilità limitata che ha la missione di garantire la realizzazione del Distretto Biotecnologico Pugliese, previsto nella linea di attività N.4 dell’accordo di programma quadro siglato dalla Regione Puglia con il MIUR e il MEF il 28 aprile 2005.

2008

Viene siglato un Protocollo di Intesa con la Regione Puglia che qualifica il D.A.Re. come il soggetto giuridico che presidia il governo del Distretto Tecnologico Agroalimentare.